Dal 1° gennaio 2021, al vertice di Fisdir Lombardia c’è un nuovo delegato regionale. Si tratta di Lorenzo Franza, reduce da una lunga militanza come vicepresidente della Rari Nantes Saronno, nonché responsabile del settore disabili della società varesina. Franza, papà della pluripremiata nuotatrice Chiara, riceve il testimone da Luigi Bossi, a cui va il caloroso ringraziamento dell’universo Fisdir per tutto ciò che ha fatto in tanti anni al servizio del movimento.

Lasciata la Rari Nantes, la passione per questo mondo mi ha spinto a dar seguito all’esperienza fatta e a mettermi a disposizione della Fisdir – spiega il nuovo delegato regionale –. La nomina da parte del Consiglio Federale mi riempie d’orgoglio. Ringrazio in particolar modo il presidente Marco Borzacchini e la vicepresidente Linda Casalini. A Luigi Bossi ho chiesto di rimanere al nostro fianco e di continuare a darci il suo prezioso contributo”.

Franza si pone un obiettivo chiaro: “Voglio dialogare il più possibile con il territorio. Incontrare le società, conoscere i loro problemi, ascoltare i loro suggerimenti e aiutarle a dare a più ragazzi con disabilità la possibilità di fare sport”.

Il 2021 sarà un anno cruciale e, si spera, di ripartenza dopo il drammatico 2020 che ha ridotto ai minimi termini le nostre attività. “Il rispetto dei protocolli e delle linee guida anti-Covid sarà il presupposto fondamentale di ogni nostra iniziativa – dichiara Franza –. Io ho fiducia in un graduale ritorno alla normalità nel secondo semestre dell’anno. Per i nostri ragazzi lo sport è tutto. Spero che potranno presto riprendersi la loro vita, in sicurezza”.

Infine, un messaggio alla base del movimento: “Alle società dico di contattarmi sin d’ora per pianificare incontri e colloqui. Ho bisogno di raccogliere informazioni e di capire le criticità, di modo da poter lavorare per tornare a fare ciò che amiamo nel migliore modi”.